Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/109


• La sesta, che no ne lasse — enducere en tentazione:
ché se esso n’abandona — seni menati a la pregione;
carne, mondo, li demone — ciascun fa sua legatura:
34en quanta ne mena bruttura — lo mio cor non l’ha stimata.
Se ’l Signor con noi demora — piovan, nenguan le battaglie:
ciascuna ne dá guadagno — de vittoria en travaglie;
fa fugar quelle sembiaglie — de quigli forti nemici,
38fanne deventar felici — la sua bona compagnata.
La settima orazione, — che ne campi dagli mali,
de le colpe e degl peccati — che è fuore d’enfernali,
e de mali exterminali — che stan giú in quella fornace;
42omne cosa che despiace — loco si sta cumulata.