Pagina:Iacopone da Todi – Le Laude, 1930 – BEIC 1854317.djvu/107


La Iustizia ad esercitare
lo don de la forteza si li dona:
ma la Prudenza bella non ce pare,
se’l don de la scienzia non sona;
la Temperanza non pò bene stare,
se ’l don de pietate non gli è prona;
la Fortetute non pò ben andare
432se ’l don de lo timore non la zona.
De la Fede e de lo Conseglio
lo povero de spirito è nato;
Forteza e Timore fatt’ hanno figlio,
beato mito en tutto desprezato;
Iustitia e Forteza, lor simiglio,
beato lutto hanno generato;
Prudenza e Senno hanno fatto piglio,
440fame de iustizia hanno apportato.
De la Temperanza e Pietate
la Misericordia ne è nata;
de lo ’ntelletto Spene alta Amistate
mundicia de core on generata;
de la Sapienzia e Caritate
la pace de core si è tranquillata:
or preghimo l’alta Trinitate
448che ne perdoni le nostre peccata.