Apri il menu principale

Pagina:I promessi sposi (1840).djvu/811


DELLA COLONNA INFAME 805

che lo disse con molta insistenza: cosa che fa vedere quanto essi mostrassero di trovarci mistero. Ma come mai s’arrischiarono di far tanto a confidenza con quel veleno così potente e così misterioso? Bisogna dire che il furore soffogasse la paura, che pure era una delle sue cagioni.

Tra le carte poi si trovò una ricetta, che l’auditore diede in mano al Mora, perchè spiegasse cos’era. Questo la stracciò, perchè, in quella confusione, l’aveva presa per la ricetta dello specifico. I pezzi furon raccolti subito; ma vedremo come questo miserabile accidente fu poi fatto valere contro quell’infelice.


I promessi sposi 811.png


Nell’estratto del processo non si trova quante persone fossero arrestate insieme con lui. Il Ripamonti dice che menaron via tutta la gente di casa e di bottega; giovani, garzoni, moglie, figli, e anche parenti, se ce n’era lì1.

Nell’uscir da quella casa, nella quale non doveva più rimetter piede, da quella casa che doveva esser demolita da’ fondamenti, e dar luogo a un monumento d’infamia, il Mora disse: io non ho fallato, et se ho fallato, che sij castigato; ma da quello Elettuario in puoi,

  1. Et si consanguinei erant, pag. 87.