Pagina:Guittone d'Arezzo – Rime, 1940 – BEIC 1851078.djvu/8

4 canzoni d'amore


25a cento dobli sempre el meo servire?
Cert’ho miracol, ch’eo
non morto son de gioia e de dolzore;
ché, como per dolore,
po l’om per gioia morte sofferire.
30Ma che? Lo meo guerire
è stato con schermire,
ver zo mettendo tutta mia possanza;
ché quando troppo la sento abondare,
mantenente m’acorgo
35e con dolor socorgo,
quale me credo che maggiore sia.
Ché de troppa grassia
guerisce om per se stesso consumare,
e cose molto amare
40gueriscon zo che dolze aucidereno:
de troppo bene è freno
male, e de male troppo è benenanza.
     Tantosto, donna mia,
com eo vo vidi, foi d’amor sorpriso,
45né giá mai lo meo viso
altra cosa che voi non devisoe.
E sí m’è bon ch’eo sia
fedele voi, che ’n me non trovo cosa
ver ciò contrariosa,
50che l’alma e lo saver deletta cioe.
Per che tutto me doe
voi, cui piú che meo soe.
Meo non son giá, ch’a far vostro piacere;
ché volonter isfareime in persona,
55per far cosa di mene,
che piò stesse vo bene:
ché giá non m’osa unqu’altro esser a voglia,
ch’ubedir vostra voglia;
e s’eo de voi disio cosa alcona,
60sento che savi bona