Apri il menu principale

Pagina:Gozzi - Memorie Inutili, vol 2, 1910 - BEIC 1838429.djvu/56

50 memorie inutili

laconici riflessi. Niente della mia voce era stato simpatico al di lei spirito, ed io non sono uno stolto accecato dal mio amor proprio che condanni un solletico che non si sente. Pochi mesi di pratica col Gratarol l’avevano risvegliata e ridotta perfettamente un loquacissimo pappagallo dei sentimenti e dei detti di quel signore, ed io non sono uno stolto per condannare un solletico che si sente.

Il canchero stava nel di lei cinguettare e nell’esprimere esagerando tutto ciò che macchinalmente aveva udito e imparato dal maestro con somma imprudenza in quella scabrosa accennata circostanza.

Non passava sera che ne’ stanzini del palco scenario ella non cercasse di passare per femmina illuminata da’ sensi del di lei amico, considerati da lei smeraldi e rubini, e li faceva cadere a proposito appunto come possono esprimere a proposito i pappagalli le parole che sanno.

Niente fugge dall’occhio e dall’udito degli osservatori sempre raccolti sullo studio della umanitá.

Appena ella seppe che la commedia: Le droghe d’amore ad onta delle sue maligne imprudenti riferte si doveva esporre in sul teatro, venendo le sere tronfia, pettoruta e infiammata sul palco scenario, non rifiniva giammai di lasciarsi fuggire con de’ spropositati propositi de’ sarcasmi fetenti alla presenza di tutti i comici e d’altre persone contro de’ personaggi cospicui che avevano avuto qualche cavalleresco impegno e puntiglio sulla innocenza del frivolo mio dramma.

— Il tal signore è uno sciocco che vorrebbe ancora i cappelli a zucchero e le scarpe a paletta. Il tal altro è un condiscendente per una lorda politica, per de’ fini indiretti e per avarizia. Il tal altro è un prepotente tiranno che non si stanca giammai di perseguitare e d’opprimere le persone di merito. La tal signora fa pompa di proteggere delle canaglie. La tal altra è una pazza instancabile, ha sempre delle infermitá: perché mai non crepa una volta o perché mai il diavolo non se la porta? Eccetera, eccetera, eccetera, eccetera. Gran bugie! gran invenzioni! gran bricconerie! gran paese abborribile!