Apri il menu principale

Pagina:Gozzi - Memorie Inutili, vol 2, 1910 - BEIC 1838429.djvu/102

96 memorie inutili

che appunto le di lei pretese sieno quelle che per tutte le mie dimostrazioni e dichiarazioni doveva io avere certezza di non udire.

Oltre a tutti gli argini che mi si oppongono e che ho ingenuamente esposti, Ella m’ha dato un cenno di volo d’aver fatto un ricorso per tal sospensione (ed io indovino a qual supremo tribunale), che il suo ricorso fu rifiutato e che le «furono chiuse le porte in faccia per ogni dove». Dopo un cosí rimarcabile rifiuto Ella è corsa a far cadere fintamente dalla scala una comica per cozzare anche con quel rispettabile rifiuto; e poscia s’introduce da me e pretende contro ogni mia possibilitá un istrumento che puntelli de’ sutterfugi inconsiderati, disperati e violenti?

A me non conviene il giudicare se dovesse o non dovesse essere rifiutato il suo ricorso. La compiango. Vedo degli arcani ch’io non so interpretare e che raddoppiano a me gli argini d’opposizione alla sua ideata pretesa ch’io «posso» e ch’io «devo» fermar la commedia e sbandirla. La commedia non è piú mia: ella ritorna in iscena per un risoluto comando de’ capi dell’Eccelso. Io rispetto i tribunali ch’io venero, né sono uno stolto dal credere in me quella facoltá ch’Ella vuole ch’io abbia a forza e con una nuova violenza.

— Inezie, inezie — rispose il mio ragionatore con viso sprezzante. — Queste sono coglionerie indegne d’essere dette da lei e ascoltate da me. Ella può e deve sbandir dal teatro la commedia per sempre.

— Inezie! — diss’io quasi abbandonato dalla pazienza a cui mi teneva stretto il riflesso al povero amico Maffei ch’io vedeva confuso e mortificato. — La prego, signore, a procurarsi alcun poco di tranquillitá all’animo e ad ascoltare un mio progetto, suggeritomi dall’intima compassione ch’io sento della sua disgrazia e dalla considerazione che ho per l’amico Maffei che m’ha proccurato il piacere della sua visita. Il progetto a me sembra il migliore e non impossibile da eseguirsi. In obbedienza agli ordini de’ tribunali vada in iscena quella commedia domani a sera.