Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/522

506

Brighella. Come una insalata? Cossa diavolo distu?

Arlecchino. Sì ben, come una salata, perchè sèntime, caro ti, la salata no se mettela in tola e la se conza? Mo anca ella la xe alla tola, e i la conza.

Brighella. Eh matto. Va là, vàghelo a dir.

Arlecchino. Mo se te digo che no se ghe pol pirlar.

Brighella. No se ghe pol parlar, ti vol dir. Ma co te ghe dirè, che son mi, e che gh’ho da dar una lettera a nome del me patron, so mi che la me riceverà.

Arlecchino. Co l’è cussì, vado. (entra)

Brighella. Povera la mia patrona! Che bella vita che ghe fa far el me patron per causa de sta siora Marchesa, che xe la so favorida! Nol pol veder la muier, el la maltratta, el ghe fa mille despetti, e a st’altra qua mille finezze. E sì la ghe corrisponde con delle insolenze. Ma n’importa, da questa se tol tutto, ma dalla muier guarda el cielo ch’el sentisse una mezza parola che no ghe piase. S’el voga per la Marchesa, col vien a casa l’è un diavolo, no ghe pol viver nè la patrona, nè la servitù.

SCENA III.
Arlecchino e detto.

Arlecchino. Oh, ghe l’ho dito, e adesso la patrona vien.

Brighella. No te l’oio dito, che co la sentirà che son mi con una lettera del Conte me patron, la me riceverà subito?

Arlecchino. Mo cossa diavolo gh’ali insieme, che tutto el dì i cria, e po i se corre drio un con l’altro?

Brighella. Vovi, camarada. Ieri sera i gh’ha crià, el patron xe rabbioso come un can, e el va smaniando come un matto; e po adesso ...

Arlecchino. Oh zitto, che la xe qua.