Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/297


L'AMANTE MILITARE 285


ATTO SECONDO.
SCENA PRIMA
Camera in casa di Pantalone con tre porte.
Pantalone e Rosaura.

Pantalone. Via, cossa xe sto pianzer? Cossa xe sto suspirar? Vostro danno, no dovevi incapriziarve in t’un forestier. Savè pur che i offiziali adesso i xe qua, doman i xe là; che i xe soggetti ai ordini del so general. Ve manca partidi da par vostro in città? Aveu paura de no ve maridar con zente da par vostro, con zente ricca e civil?

Rosaura. Ah, signor padre, ora le vostre parole non sono più a tempo. È vero, non dovea innamorarmi di don Alonso, lo confesso, lo accordo: ma ora il male è fatto, nè fia possibile che me lo stacchi dal cuore.