Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/200


Pantalone. Bondì sioria, cossa comandeu?

Brighella. Lustrissima padrona, ghe fazzo umilissima reverenza. (a Rosaura)

Rosaura. Vi riverisco.

Brighella. Lustrissimo patron, sielo benedetto ; quando la vedo, me consolo.

Pantalone. Grazie, vecchio, disè su, cossa voleu?

Brighella. L’illustrissima siora Beatrice manda a far reverenza all’ illustrissimo sior Pantalon de’ Bisognosi e all’ illustrissima siora Rosaura, sua degnissima fiola ; manda a veder come stanno di salute, se hanno dormito bene la scorsa notte, e fa sapere alle signorie loro illustrissime, che l’ è colla peota alla riva, per ve- gnir, se le ghe permette, a reverir vussustrissime.

Pantalone. Caro amigo, me fé star zoso el fià. Donca siora Bea- trice xe qua alla riva?

Brighella. Ai comandi de vussustrissima.

Pantalone. Oh diavolo ... Con chi xela ?

Brighella. L’ è in compagnia, lustrissimo padron ...

Pantalone. Se gh’ è zente con eia, diseghe che la me compatissa ... Adesso, adesso anderò mi alla peota.

Brighella. La se fermi, lustrissimo, l’è sola.

Pantalone. Se m’ ave dito che la xe in compagnia ?

Brighella. In compagnia d’ un so umilissimo servitor.

Pantalone. No ghe xe altri che eia e vu?

Brighella. Illustrissimo padron no.

Pantalone. No certo?

Brighella. No seguro, la stia certa, la me creda, la se n’ assi- cura, ghe lo protesto da quel servitor ossequiosissimo che ghe son.

Pantalone. Co l’ è cussi, diseghe che la xe patrona.

Brighella. Vado subito. Evviva V. S. illustrissima, sempre galante, sempre gentile, semper idem. Con permission de vussustrissima, illustrissima padrona, servitor obbligatissimo. (No digo gnente che ghe sia el me padron). [da sé, via

Pantalone. Costò el me struppia de cerimonie.