Apri il menu principale

Pagina:Goldoni - Opere complete, Venezia 1910, VII.djvu/198



la gastalda no deventa patrona. No sarave miga la prima. Gh’ho un certo no so che, che bisega (•). Son dretta la mia parte. Della lengua e dei occhi fazzo quello che voggio. E con una occhiadina, e con una paroletta, m’impegno de far cascar un omo, s’ el fusse de piera viva. (via

SCENA IV.

Altra camera. Rosaura e Pantalone s’incontrano.

Pantalone. Oh, bondì sioria. Siora, ben levada.

Rosaura. Serva, signor padre.

Pantalone. Ve conferisse l’ aria della campagna ?

Rosaura. Meglio assai che quella della città. Qui almeno si re- spira un poco, non si sta in una sepoltura, come mi tocca a stare in Venezia.

Pantalone. Poverazza! A Venezia stè in una sepoltura. Cossa vorressi? Andar a zirandolando co fa le matte? A Venezia le putte civil, le putte savie e che gh’ ha giudizio, le sta a casa soa.

Rosaura. È verissimo, e per questo le putte desiderano andar in campagna.

Pantalone. Sì ben : disè la verità, le desidera andar in campagna, e le ghha rason, perchè in città i pari e le mare le tien sconte, serrae e ben custodie, e in campagna le ghha tutta la libertà, e le va dai gastaldi, le va alla boaria, le va per i céimpi a magnar dell’ uva ; e co sta occasion, se vede, se chiaccola, se zoga alle scondariole coi morosetti. In campagna se fa le ami- cizie, e pò a Venezia le se coltiva. Pia mia, v’ ho mena fuora per farve muar aria, ma no per larve muar costume. L’istessa zelosia che gh’ ho del vostro decoro a Venezia, la devo aver anca in villa, perchè tanto l’ aria della campagna, come quella della città, a chi no sa valersene con prudenza, la puoi produr le medesime malattie. (1) Biscgar, frugare, stuzzicare, sentire un brulichio: v. voi. I, p. 454, n. 2 e II, 159 ■. a ecc.