Pagina:Frezzi, Federico – Il quadriregio, 1914 – BEIC 1824857.djvu/199


e pare ogni onda grande quanto un colle,

       quando la luna solo il fratel mira,
       e tutto il lume suo a noi ne tolle;
 175   cosí facean color commossi ad ira,
       e davansi fra sé li colpi gravi,
       e con grand'onte l'un l'altro martíra.
       Non fecer mai abeti sí gran travi,
       come eran le lor lance lunghe e grosse,
 180   né mai sí grandi legni portôn navi.
       Pensa, lettor, che quei c'hanno gran posse,
       dánno gran colpi, e cosí anche credi
       che, quando coglie, han piú gravi percosse.
       E poscia a maggior fatti io mossi i piedi;
       e, poco andato, tanto mi stancai,
 185   ch'a riposarmi giú in terra mi diedi,
       insin ch'apparson li raggi primai.



                       LIBRO TERZO
                   DEL REGNO DE' VIZI.

p. 197



CAPITOLO I

Come l'autore fu a battaglia con Satanasso e, umiliandosi, lo vinse.


       Dell'orizzonte il sole era giá fuora,
       e, per aver la lena, io m'era assiso
       come chi stanco a riposar