Pagina:Frezzi, Federico – Il quadriregio, 1914 – BEIC 1824857.djvu/153


perché ti atturi il naso e mostri schivo?

       Tu sai che l'uomo nel vostro emispero
       piú di noi non è netto ovver giulivo:
       ché egli è un sacco pien di vittupèro,
 140   e tra gli altri animal che son nel mondo,
       vuole in nettarsi maggior ministero.
       Tu sai ch'e' per la cima e per lo fondo
       e dello corpo suo per nove fori
       sparge il fastidio, piú che noi immondo.
 145   Al sucidume e suoi corrotti umori
       per delicanza concorron le mosche,
       sí come l'api sopra belli fiori.
       --Trapassa ratto este contrade fosche
       --disse a me Palla--e non gli far risposta:
 150   basta che l'abbi viste e le conosche.--
       Allora mi partii senza far sosta
       e vieppiú oltre una gente trovai,
       ch'avean la soma in la lor testa posta,
       la qual convien che portin sempremai.


p. 148