Pagina:Esploratori di Pace.pdf/13

– sussidi didattici –

Introduzione


Chi ascolta dimentica,
chi vede ricorda,
chi fa impara.

 Proverbio giapponese



In questo libro non troverete nessuna teoria ma solo proposte pratiche ampiamente sperimentate. Cerco di raccontare, passo dopo passo, come conducevo le attività in classe o nei gruppi.

Per chi è curioso di conoscere le motivazioni, il metodo e il mio percorso formativo e di crescita interiore come educatore rimando all’articolo Quarant’anni di ricerca e azione nel campo dell’educazione alla pace1. Il mio stile si può riassumere in due parole: olistico e maieutico.

Olistico nel senso di mettere in gioco tutti i molteplici aspetti della personalità umana: corpo, mente, emozioni, sensazioni, bisogni, anima e spirito.

Maieutico nel rinunciare a dare spiegazioni ma stimolare le risposte che affiorano dentro ognuno.

Le attività descritte le ho attinte da libri, frequentando corsi di formazione, poi modificate e adattate alle diverse situazioni, o semplicemente create per l’occasione.

Ho lavorato soprattutto in provincia di Modena, principalmente in montagna, dove risiedo.

Spesso da solo, ma volentieri con stupendi colleghe e colleghi, inizialmente con il Gruppo Sottosopra2 e successivamente con Rocca di Pace3.


11

  1. V. Merlini, a cura di, Rocca di Pace. Costruire Pace in se stessi, in comunità e nel mondo, Pisa, Centro Gandhi Edizioni, 2020, p.43.
  2. Iniziativa all’interno dell’Associazione Overseas di Spilamberto (MO), ONG che si occupa di promozione dello sviluppo globale di comunità in Paesi extraeuropei.
  3. V. Merlini, cit. Rocca di Pace è un’associazione che ha riunito comuni, scuole, organizzazioni e comuni cittadini per promuovere la cultura della pace sull’Appennino modenese.