Pagina:Delle notti di Young traduzione di Giuseppe Bottoni e del Giudizio universale dello stesso Young.djvu/16


XIV uomini tutti, mostrando loro i tesori d’una Eternità beata, facendoli cittadini del Cielo, compagni nella gloria allo stesso Dio: con quanta energia combatte Ferrar di quegli empj, che tentano di rendere gli uomini simili ai bruti, destinando e gli uni, e gli altri ad una sorte medesima: con quanta evidenza spogli d’ogni mentito ffiegio i beni di questa terra: qual ricco manto egli presti alla sempre bella virtù, e come tuttociò nobilmente, vigorosamente, e sempre con isplendida novità colorisca. Nè è difficile da tutto ciò intendere qual sia il sentimento dell’illustre Poeta, allorché egli sembra lodare, e tenere in pregio l 1 energia delle passioni tanto grate all’umanità corrotta, e confonderle colla ragione, ovvero attribuire ad un eccesso, di amor proprio, che certamente vizioso dee riputarsi, r origine di molte opere nobili e virtuose, le quali espressioni incontraci in alcun luogo di questo Poema. Assume allora il Poeta il lin-! Digitized by Googl