Pagina:Delle biblioteche circolanti nei comuni rurali per Vincenzo Garelli.djvu/75


— 75 —

trenta volumi che si avranno in pronto, se ne legga l’elenco, dicendo di ciascheduno quei tanto che valga a fare il popolo voglioso di leggerlo. Si dichiari in termini brevi 10 scopo e la utilità dell’istituzione, e state persuasi che 11 popolo vi seguiterà in quella via nella quale desiderate di condurlo, piglierà cioè amore alla lettura. Guai, se fin dal cominciamento sì è freddi; il calore che deve dare la vita non verrà più.

Massimo favore concilieremo ancora alla nostra Biblioteca, se faremo cospirare con essa le altre istituzioni educative, le quali alla loro volta ne avranno incremento. Coteste istituzioni sono le scuole elementari maschili e femminili pe' fanciulli, e le lezioni serali nell’inverno per gli adulti, e le domenicali lungo l’anno, e i corsi così detti popolari. In Francia nel 1865 esistevano 8,925 Biblioteche scolastiche, delle quali 576 nelle scuole femminili. L’aumento numerico delle Biblioteche segue parallelamente quello delle scuole e, direi anzi, del profitto. Ma le scuole sono oggidì di due specie, le une pe’ fanciulli e le altre per gli adulti. Fu quindi riconosciuto per indispensabile di dividere i libri in due categorie.

La Biblioteca sarà utile alle scuole elementari per due maniere: primieramente offrirà al maestro una grande comodità per accrescere la sua istruzione, potendosi egli per primo servire dì molti libri della Biblioteca, che non si sarebbe potuto procacciare altrimenti che a spese di grandi sacrifizi; secondariamente il maestro potrà concedere come premio a’ suoi alunni migliori che leggano que’ libri che reputerà più convenienti.

Quando poi le scuole serali e domenicali cesseranno d’essere frequentate da adulti analfabeti, e diventeranno, come giova sperare, scuole continuative delle elementari per aggiungere nuove cognizioni, allora le Biblioteche popo-