Apri il menu principale

Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/253

250 ricordi di parigi.


un romanzo sulle Crociate, che conserva ancora, e mise in versi dei lunghi squarci di prosa del Chateaubriand; cosa che deve sconcertare alquanto i critici che vogliono ad ogni costo veder gl’indizii dell’indole d’un grande scrittore anche nelle prime manifestazioni dell’ingegno adolescente. Le sue prime letture furono Walter Scott e Vittor Hugo. — Lessi i due autori insieme — disse — ma senza sentir gran fatto la differenza, perchè non capivo ancora nè lo stile nè la lingua di Vittor Hugo. — Poi cominciò a leggere il Balzac. E anche questa è strana. Il Balzac l’an­noiò; gli pareva lungo, pesante, poco «interes­sante»; non lo capì e non lo fece suo che lungo tempo dopo. Fin qui nessuna lettura gli aveva lasciata una profonda impressione. Più tardi, quando cominciò a leggere pensando, i suoi tre scrittori prediletti furono il Musset, il Flaubert e il Taine. Nel Musset non si vede chiaramente che cosa abbia attinto, se non è il sentimento di certe finezze voluttuose della vita signorile,