Apri il menu principale

Wikisource β

Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/159

156 ricordi di parigi.


giocava, ragazzo, sotto gli occhi di sua madre, nel giardino delle Feuillantines; lo vedo, sedicenne, quando scriveva in quindici giorni, per guada­gnare una scommessa, le pagine ardenti di Bug-Jargal; penso a quando comprò il primo scialle a sua moglie coi denari dell’Han d’Islanda; me lo raffiguro, fiero e impassibile, in mezzo alle tempeste delle assemblee scatenate dalla sua pa­rola temeraria; lo vedo servire umilmente i qua­ranta bambini poveri seduti alla sua mensa a Hauteville-house; me lo rappresento grave e tri­ste, in mezzo alla folla, dinanzi ai cento sepolcri illustri su cui fece sentire la sua parola piena di maestà e di dolcezza; lo vedo per le vie di Pa­rigi, in mezzo alla moltitudine riverente, costernato e invecchiato, seguire i feretri dei suoi fi­gli; lo vedo in quelle sue veglie febbrili, ch’egli descrisse così potentemente, quando di lontano, nel silenzio della notte, sentiva squillare il corno di Silva ed echeggiare il grido di Gennaro; lo vedo assistere nel Teatro francese, dopo mezzo