Apri il menu principale

Wikisource β

Pagina:De Amicis - Ricordi di Parigi, Treves, Milano 1879.djvu/152


vittor hugo. 149


gioga, siete suoi, rivivete in lui per un altro periodo della vostra vita. E perché le somme linee delle opere sue sono veramente d’un genio. L’abuso ch’egli fa d’un concetto sublime, alla lettura, v’offende; ma spariti dalla memoria i particolari errati o eccessivi, il concetto vi resta incancellabile, e più s’appura col tempo, più vi pare che ingrandisca, e ingrandisce davvero. Le sue grandi idee e i suoi grandi sentimenti son grandi tanto che sovrastano ai difetti infiniti del­l’arte sua, come le colonne d’un tempio antico ai rottami ammucchiati ai suoi piedi. E di qui nasce il fatto strano ch’egli ha più ammiratori ardenti delle sue creazioni che lettori fedeli dei suoi volumi, e che moltissimi ammiratori suoi non lo conoscono che nei frammenti delle sue opere, o nelle ispirazioni che v’hanno attinte le altre arti. Chi strapperà più dalla memoria umana Ernani, Triboulet, il campanaro di Nôtre Dame, l’amore di Ruy Blas, la disperazione di Fantina? E chi può scordare i brividi di terrore ch’egli ci