Pagina:D'Annunzio - San Pantaleone, 1886.pdf/293


la fattura. 285

una breve concione, non senza una certa gravità di voce e di gesti.

‟Bon’uómmene!” disse,”nisciune de vu, certe, sa pecché propie Mastre Peppe De Siere v’ha chiamate a qua....”

Un moto di stupore, a questo strano preambolo, si propagò in tutte le bocche delli ascoltanti; e la letizia pe ’l promesso vino si mutò in una inquietudine di diversa espettazione. Continuava l’oratore:

‟Ma, seccome po’ succéde caccosa bbrutte e vu ve putassáte lagna de me, ve vojie dice de che se tratte, prime de fa’ la spirienze.”

Li ascoltanti si guardavano l’un l’altro nelli occhi, con un’aria smarrita; e quindi rivolgevano lo sguardo curioso e incerto al cofanetto che l’oratore teneva in una mano. Un d’essi, poichè il Ristabilito faceva pausa per considerare l’effetto delle parole, esclamò impaziente:

‟Ebbè?”

‟Mo, mo, bell’uómmene mi’. La notta passate s’hann’arrubbate a Mastre Peppe nu bbone porche che s’ave’ da salà. Chi ha state lu latre, nen ze sa; ma cert’è ca s’ha da truvà miezze a vu’ áutre, pecché nisciune venéve dall’India bbasse p’arrubbarse lu porche a Mastre Peppe!”

Fosse un giocondo effetto di questo peregrino