Pagina:D'Annunzio - Il libro delle vergini.djvu/186