Pagina:Cordelia - Dopo le nozze, Milano, Treves, 1882.djvu/58

44 il matrimonio nel ceto medio

donna, che sapere alla perfezione parecchie lingue straniere e nella vita pratica le riescirà certo molto più utile che conoscere una scienza o un’arte di puro diletto. Queste donne sono rare come le mosche bianche ma fortunatamente ce n’è, e formano la vera felicità dei loro mariti ed ho sentito spesse volte dire da alcuno di questi esseri fortunati:

“Mia moglie sa far le cose tanto per bene che quasi spendo meno ora che siamo in due di quando ero scapolo.”

Ma per ottenere questo scopo una donna deve avere l’eroismo di non lasciarsi vincere dalla tentazione che la chiamerebbe ai piaceri esteriori, deve fare la sua casa il centro delle sue aspirazioni, deve in generale aver tanta forza da fuggire le società dove le persone più ricche vanno a far sfoggio delle loro vesti e della loro vanità. Oppure se la sua posizione sociale la obbliga a frequentare una società più elevata deve aver il coraggio di andarvi modestamente contentandosi di starsene piuttosto