Pagina:Cordelia - Dopo le nozze, Milano, Treves, 1882.djvu/36

22 tra marito e moglie


caratteri che cozzano quando si trovano di fronte; come ve n’ha che s’amalgamano facilmente, s’accordano senza fatica, e riescono a formare un insieme perfetto.

Fra marito e moglie occorre prima di tutto una buona dose di simpatia; poi converrà metterci un po’ di studio e di buona volontà per vedere di combinarsi e di formare quell’accordo perfetto che costituisce la felicità nella vita di famiglia. Dobbiamo convenire, che nel principio del matrimonio regna fra la condizione dell’uomo e quella della donna un perfetto antagonismo. La donna comincia la vita, e l’uomo si può dire la finisce; essa non sa nulla del mondo, egli invece sa tutto; la moglie è bramosa di piaceri e divertimenti, il marito ne è sazio, e non può comprendere come altri possa trovar piacere dove egli si annoia a morte. Avvezzo all’indipendenza non può piegarsi a nessun giogo, perciò continuerà la sua vita di prima, libero come un uccello nell’aria, senza prendersi pensiero di nulla; gli sembrerà inutile con-