Apri il menu principale

Pagina:Canti di Castelvecchio.djvu/58


42 la voce

   dritto e solo (passava in fretta
l’acqua brontolando, Si beve?);

   dritto e solo, con un gran pianto
d’avere a finire così,
   mi sentii d’un tratto daccanto
quel soffio di voce... Zvanî..

   Oh! la terra, come è cattiva!
la terra, che amari bocconi!
   Ma voleva dirmi, io capiva:
― No... no... Di’ le devozïoni!

   Le dicevi con me pian piano,
con sempre la voce più bassa:
   la tua mano nella mia mano:
ridille! vedrai che ti passa.

   Non far piangere piangere piangere
(ancora!) chi tanto soffrì!
   il tuo pane, prega il tuo angelo
che te lo porti... Zvanî...

   Una notte dalle lunghe ore
(nel carcere!), che all’improvviso
   dissi ― Avresti molto dolore,
tu, se non t’avessero ucciso,

   ora, o babbo! -; che il mio pensiero,
dal carcere, con un lamento,
   vide il babbo nel cimitero,
le pie sorelline in convento: