Pagina:Bandello - Novelle, ed. riveduta, vol 1, 1928 - BEIC 1971550.djvu/328


le scriveva, ed in si forte punto le entrarono l’amorose parole nel core, che tutta d’amore s’accese. Il perché altro non de- siderava che veder l’amante e seco ritrovarsi. Onde, come po- teva imaginarsi che egli per la contrada passasse, se in destro le veniva, andava a le finestre e tutta ridente e con buonissimo viso se gli scopriva. Di che accortosi l’amante e veggendo che la sua lettera aveva fatto frutto, andava pensando come potesse aver comoditá d’esser con lei, ed altro tanto ne pensava la fanciulla. Avvenne che una parente de la madre d’Aloinda si maritò; e sapendo la fanciulla che la madre anderebbe a le nozze cercava far intendere questo a l’amante. Onde gli scrisse ciò che devesse fare, ma non sapeva come mandargli la lettera. Mentre era in questo pensiero, essendo a la finestra vide il paggio che tutto solo per la strada veniva. E subito discesa, nel passar che faceva il paggio dinanzi la porta, non essendo da persona veduta, gli por.se la lettera e tantosto tornò di sopra. Bandelchil, letta la lettera, si ritrovò il piú contento uomo del mondo, e non capeva ne la pelle aspettando il giorno de le nozze. Andò la madre al convito e lasciò Aioinda con una vecchia in casa, che non aveva se non un occhio. Quel giorno l’amante, secondo che ordinato gli era, entrò per l’orto in casa ed in una camera si mise sotto un letto. Aioinda, che a bada la sua nutrice in un’altra banda aveva tenuta, si mise ne l’ora disegnata a correr per casa ed andar su e giú. Ella era agile ed Amore le prestava l’ale, e la nutrice non le poteva tener dietro, di modo che la fanciulla entrò dove era l’amante e dentro si serrò. Il che sentendo la vecchia e sapendo la camera aver le ferrate a le finestre, pensò che essendo di state la giovane volesse dormire. I dui amanti s’abbracciarono e si basciarono ben mille volte. E volendo Bandelchil prender l’ultimo diletto d’amore, Aioinda gli disse : — Signor mio, da me piú che la vita mia amato, se voi tanto m’amate quanto mi dite e scritto m’avete, voi farete di modo che possiamo lunga- mente esser insieme, che sará se per moglie mi sposate. — L’amante, che oltra misura era di lei invaghito e bellissima la vedeva senza porvi dilazione alora la sposò, e per buona pezza