Pagina:Bandello - Novelle, ed. riveduta, vol 1, 1928 - BEIC 1971550.djvu/265


IL BANDELLO a l’illustrissimo signore SFORZA BENTIVOGLIO Mentre che la molto gentile e dotta signora Cecilia Gallerana contessa Bergamina prendeva questi di passati l’acqua dei bagni di Acquario per fortificar la debolezza de lo stomaco, era di continovo da molti gentiluomini e gentildonne visitata, si per esser quella piacevole e vertuosa signora che è, come altresí che tutto il di i piú elevati e belli ingegni di Milano e di stra- nieri che in Milano si ritruovano sono in sua compagnia. Quivi gli uomini militari de l’arte del soldo ragionano, i musici can- tano, gli architetti e i pittori disegnano, i filosofi de le cose na- turali questionano, e i poeti le loro e d’altrui composizioni re- citano, di modo che ciascuno che di vertú o ragionare od udir disputar si diletti, truova cibo convenevole al suo appetito, perciò che sempre a la presenza di questa eroina di cose piacevoli, vertuose e gentili si ragiona. Ora avvenne un giorno che, es- sendosi lungamente di cose poetiche tra dui famosi spiriti di- sputato, cioè tra il signor Antonio Fregoso Fileremo cavaliere e messer Lancino Curzio, il dotto e piacevole messer Girolamo Cittadino prese le Cento Novelle del leggiadrissimo Boccaccio in mano e disse :— Signora contessa, e voi signori, poi che la disputazione de la poesia si è finita, io sarei di parere che entrassimo in alcun ragionamento piú basso e piacevole, overo che si leggesse una o due de le novelle del Boccaccio, come piú a voi piacerá. — Bene ha parlato — disse alora la signora Camilla Scarampa — il nostro Cittadino, a ciò che gli affaticati intelletti per le cose dotte disputate alquanto con ragionamenti piacevoli e di leggera speculazione siano ricreati. — A questo