Pagina:Bandello - Novelle, ed. riveduta, vol 1, 1928 - BEIC 1971550.djvu/184


i78 PARTE PRIMA del grave infortunio, e dubitando forte che il misero amante non si fosse fiaccato il collo, quando partito il vide si raccon- solò alquanto, e la scala ritirò in camera. Ma torniamo al disgra- ziato amante, il quale a pena tramortito era ed isvenuto, che uno dei capitani dei signori di notte con i suoi zaffi, vi ar- rivò. E ritrovato colui steso per terra e per Aloise Fo,scari riconosciutolo, il fece levar del luogo ove giaceva, e morto ferma- mente credendolo comandò che in chiesa ivi assai vicina fosse riposto. Il che subito fu messo in essecuzione. Da l’altro canto poi, considerato il luogo ove trovato l’aveva, dubitò forte che, o Girolamo Bembo o Anselmo Barbadico, dinanzi a le cui case gli pareva esser stato commesso l’omicidio, non l’avessero ucciso. Credeva egli questo, e massimamente che aveva sentito non so che stropiccio di piedi a una de le porte di coloro. Il perché divisa la compagnia, parte ne mandò a una banda e parte a l’altra, e a la meglio che puoté si .sforzò circondar le case. E come volle la fortuna, ritrovò per trascuraggine de le fantesche le porte de le due case aperte. Erano quella notte i dui amanti l’uno in casa de l’altro entrati a giacersi con le lor donne. Onde sentito il calpestio e romore che per casa i sergenti face- vano, subito le donne, saltando di letto e tolte le lor vesti in spalla, per la via de l’orto, senza esser vedute a le case loro si condussero, e tremanti aspettavano a che fine la cosa devesse riuscire. Girolamo ed Anseimo, non sapendo che romor quello si fosse, mentre cosi al buio s’affrettavano di vestirsi; furono dagli sbirri dei signori di notte a salvamano presi, di modo che Girolamo in camera d’Anselmo ed Anseimo in quella di Girolamo restarono in mano de la giustizia. Di questa cosa il capitano e i zaffi non poco si meravigliarono, sapendo tutti la nemicizia che tra loro regnava. Ma es,sendosi accesi molti torchi, e i dui gentiluomini tratti fuor di casa, fu di loro la meraviglia molto maggiore quando l’uno in casa de l’altro quasi ignudi esser stati fatti prigioni si conobbero. Ed oltra la meraviglia, tanto di sdegno vi s’accrebbe, quanto ciascuno tacitamente ima- ginar e creder si puote. Ma oltra ogni credenza contro le in- nocentissime mogli di fellon animo si ritrovavano, e l’un l’altro