Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/413


4io PARTE SECONDA tutti quei salvaggiumi cosi d'augelli come di quadrupedi che la stagione comportava, mescolando variamente, secondo che convenevol pareva a messer Antonio Giovenazzo nostro maestro di casa, di tutte quelle maniere di pesci che quelle fontane in abbondanza fanno, con i più delicati che produce il famoso Be- naco. Dopo il desinare si fecero molti piacevoli giuochi sotto un folto e molto lungo e largo frascato fatto a posta, ove anco al suono dei piffari si ballò da chi poco curava il caldo. A l’ora poi del merigge, essendo il caldo grande e i balli cessati, si mi¬ sero uomini e donne diversamente a ragionar insieme secondo che loro più era a grado. Io mi ritirai in una molto onorata compagnia ov’era il signor Cesare, e sentii che parlavano del Decamerone del Boccaccio e d’alcune novelle di quello, raccon¬ tando le beffe fatte da Bruno e Buffalmacco al povero Calan¬ drino e a quel valente medico, maestro Simone da Villa. Era quivi il gentilissimo dottor di leggi messer Lodovico Dante Ali¬ geri, il qual disse molte cose in commendazione del Boccaccio, nomandolo suo compatriota, perciò che esso Aligeri, come chiaro si sa, è disceso per linea maschile da uno dei figliuoli del famoso e dottissimo Dante che in Verona rimase al servigio dei signori de la Scala. Il conte Raimondo da la Torfe vostro zio, uomo di molte buone doti ornato, seguendo il parlar di messer Lodovico narrò una piacevol novella, la quale il signor Cesare mi comandò che io scrivessi. Il che avendo fatto, ancor ch’io creda che più volte voi l’abbiate udita raccontare, m'è paruto convenevole tale quale descritta l’ho, che sia vostra. So bene che non averò saputo rappresentar l’eloquenza di vo¬ stro zio né por in iscritto la novella cosi puntai mente come fu da lui narrata. Io ho ben avuto buon animo, ma il non saper più è stato cagione che secondo l’animo non ho avuto le forze. Tale adunque qual è ve la dono ed al vertuoso vostro nome de¬ dico e consacro. Scrissi non è molto la novelletta che voi pure a Montorio narraste quando un’altra compagnia dal signor Ce¬ sare vi fu condutta, e quella ho donata al nostro gentilissimo conte Bartolomeo Canossa a cui le cose da voi narrate sogliono mirabilmente piacere. Ma a chi non piace egli ciò che voi con