Pagina:Bandello - Novelle, Laterza 1910, II.djvu/161


a >58 PARTE PRIMA età. — E cosi detto si tacque. La reina, udita con gran piacere la pronta risposta del giovine — E noi — disse — vi ringra¬ ziamo di tante lodi che date ci avete e del vostro buon animo verso noi. — Cosi dettogli questo senza più, se ne passò innanzi, tuttavia con questi e con quelli per via di diporto mot¬ teggiando. Parve pertanto a lei e simigliantemente a la reina Maria che d’ogni cosa era consapevole, aver in grandissima parte spiato l'animo del giovine, e quasi per fermo tenesse sé esser quella che il giovine lombardo tenesse per sua suprema donna. Del che punto non si sdegnò, anzi assai ne l'animo suo lo commendò e tennelo per molto da più che prima non lo teneva, e come discreta e valorosa gli diede infinite lodi. Ella non fece già ciò che molte far sogliono, le quali come si veg- giono esser di legnaggio più nobile o pur uguale di quel de l'amante che il cielo loro averà dato, quello non degnano, anzi di lui e de la sua fedel servitù si beffano, e sovente con finti visi e parole tutte simulate il levano in alto, e poi tutto ad un tratto le loro finte maniere cangiando, lo lasciano da la cima e colmo d'ogni speranza nel basso abisso d’ogni disperazione senza alcun ritegno cadere, di modo che colei che più ne scher¬ nisse più si tiene scaltrita. Ma quanto meglio e più lodevole impresa sarebbe che non avendo la donna a caro l’amore e la servitù d’un uomo, liberamente gli dicesse: — Amico, tu non fai per me — che pascerlo di vane speranze, tenendolo un tempo a bada, dandogli parole e sguardi e poi si miseramente, come spesso si fa, da sé cacciarlo? Io per me, ancora che ferventissimamente amassi una donna e che mi fosse d’estrema doglia cagione il vedermi cacciare e non esser da quella amato, mi saria nondimeno inen grave l'essermi apertamente detto che io altrove mi procacciassi una padrona, che mostrar d’aver a grado la mia servitù e pascermi qualche tempo di vane spe¬ ranze, e poi trovarmi beffato e schernito. Ché in vero in simil caso io non sarei forse men rigido e severo contra chi di que¬ sta maniera mi trattasse di quello che si fosse lo scolar da Parigi tornato in Firenze a la male aventurata madonna Elena. Ma torniamo al nostro messer Filippo. Il quale ancora che