Pagina:Baccini - Memorie di un pulcino, Bemporad & Figlio, Firenze, 1918.djvu/238


In casa, nulla è mutato ad eccezione dei signorini. Il signor Masino s’è fatto un gio- vinottone, la signorina non lia più le sue abi¬ tudini sciatte nè viene più a studiar la storia in cucina : anzi sua zia sostiene che si pettina e si guarda allo specchio più del bisogno : pro¬ prio si vede che in questo mondo nessuno si contenta mai ! E Medoro ? Medoro vive, lo sciagurato : e se dovessi dir la mia opinione, crepa di sa¬ lute. Dopo la spaventosa esperienza fatta su i miei figli, sembra che la caccia gli sia en¬ trata in testa ; tanto che quest’ inverno il si¬ gnorino è tornato sempre con la carniera piena d’uccelli. Due o tre volte presero perfino la lepre. Con me tiene un contegno umile e contrito insieme. Sia che la mia vista gli ricordi l’or¬ —