Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/200


184 IO 2. TurdUS ViSeiVOrUS, Linn. ex Gesn. TORDELA. Argaión, Regaggiun, Regaiùn, Tourdeuia (Basso-Pìem.) — Drèsa (Berg.) — Dressoùn (Mil.) — Gazàro {Padova) — Tordo gajér o gazher, Tordo colombin {Feltre^ Belluno) — Tordo gazan {Vicenza) — Tordol, o Tordo gaioii {Cadore) — Giadule, Sgardule {Cividale) — Ragion {Ravenna) — Gher- luda {Boi,) — Gesso {Vergato) — Grivea nostra {Savona) — Tordeja {Arenzano) — Tordèna {Spezici) — Stordeola {Lucca) — Stordesca {Garf.) — Tordo guazzalo {Val di Chiana) — Tordessa (7. di Giglio) — Tordo {Viterbo) — Tordene, Tor- della {Marche) — Tordea {Campobasso) — Turda, Turdulicia, Chiaracurdaca {Calah.) — Marvizzuni {Mess.) — Trudu cu- lumbinu {Sard.) Piemonte: Frequente e sedentaria al piano in prov. di Cuneo , ove nidifica due volte, in marzo ed in maggio {Abre). Frequente e sedentaria nella prov. di Torino {Gasca, Marto- relli) ; ebbi un nido coi piccini nati da qualche giorno l'8 mar- zo, e due individui isabellini {Gasca). Comune e sedentaria nel Basso Piemonte, di dove però non poche partono al giunger dell' inverno per ritornare poi a primavera prestis- simo essendo il primo uccello che costruisce il nido da noi {Camusso). Neil' Ossola nidifica al piano ed ai monti sin ol- tre i 2000 metri; emigra (i>V(3eMa). È abbondante e sedenta- ria in Valsesia e nei distretti di Crodo e Piedimulera, No- vara {Gua)'inom\ Demori^ Danisi). Lombardia: Comunissima in montagna nella prov. di Sondrio; di rado nell'inverno scende al piano {Galli). Arriva nel Comasco in ottobre e novembre, parte nel marzo {Regaz- zoni, Bernasconi). Scarsa nella prov. di Bergamo {Stefanini). Frequente in quella di Milano {Brambilla). Sedentaria e di passo nella prov. di Cremona {Ferragni). Comune in quella di