Pagina:Avifauna italica, primo resoconto.djvu/183


167 — gnolo, Merlo montagnolo {Padova) — Méral {Bol.^ Rav.) — Merel {Vergato) — Merlo {Spezia) — Merlo {Ka^i.) — Gogca pizzoverd {Puglie) — Miedduru, Merru, Merlu {Calabr.) — Memi di sipala {Messina, Reggio, Calahr.) — Merru, Merra {Lentini) — Mierru uiuru o di scìara {Castelò. Madonie). Piemonte: Frequente e sedentario oA'unque nella prov. di Cuneo; nidifica due volte, in aprile ed in giugno {Ahre). Cosi in quella di Torino {Gasca, Pezzi, Martorelli). Ho osser- vato nella prov. di Torino vari esemplari toppati di bianco, alcuni altri bianchi com^^letamente ed uno di un bel color isabella {Gasca). Ebbi a Voltaggio un caso di albinismo ed uno di isabellismo; uccisi il 17 novembre 1883 un Merlo femmina, col becco incrociato con profonda intaccatura alla mandibola inferiore in quel punto. Nel Basso Piemonte è specie comune e sedentaria, non pochi però al giunger dell' inverno partono {Caviusso). Comune e sedentario nel- l' Ossola, non sale oltre i 1500 metri {Bazetta). Cosi in Val- sesia e nei distretti di Crodo e Piedimulera, Novara {Guarl- noni, Demori, Danisi). Lombardia: Comunissimo ovunque in prov. di Sondrio; si notano casi di albinismo in questa specie {Galli). Nella prov. di Como la massa degli immigranti giunge verso la metà dell' ottobre {Regazzoni) ; nidifica nel Comasco, ove però fa un copiosissimo passo nell'ottobre {Rosales, Bernasconi). Frequente ovunque nella prov. di Bergamo {Stefanini). Così in quella di Milano {Brambilla). Sedentario e di passo ab- bondante nella prov. di Cremona {Ferragni). Comunissimo anche d' inverno in quella di Mantova {Paglia). Comunis- simo ovunque in Lombardia {Turati, Borromeo). Veneto : Stazionario e comune nella prov. di Verona {Pellegrini). Frequente ovunque, nidificante e di passo in quella di Vicenza {Molari, Ferrari). Comune, nidificante, erratico e di passo in marzo e settembre nel Cadore, Bel- luno {Tissi); cosi nel distretto di Feltre, ove però è anche sedentario {Delaito). Comunissimo e sedentario nel Friiili, ove le prime covate trovansi già nel marzo, le seconde in — 168 —