Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. III, 1928 – BEIC 1739118.djvu/224

218 canto


80
     Altro destrier non è che meglio intenda
di quel Frontino il cavalliero a cenno:
par che dovunque Durindana scenda,
or quinci or quindi abbia a schivarla senno.
Agramante e Olivier battaglia orrenda
altrove fanno, e giudicar si denno
per duo guerrier di pari in arme accorti,
e pochi differenti in esser forti.

81
     Avea lasciato, come io dissi, Orlando
Sobrino in terra; e contra il re Gradasso,
soccorrer Brandimarte disïando,
come si trovò a piè, venia a gran passo.
Era vicin per assalirlo, quando
vide in mezzo del campo andare a spasso
il buon cavallo onde Sobrin fu spinto;
e per averlo, presto si fu accinto.

82
     Ebbe il destrier, che non trovò contesa,
e levò un salto, et entrò ne la sella.
Ne l’una man la spada tien sospesa,
mette l’altra alla briglia ricca e bella.
Gradasso vede Orlando, e non gli pesa,
ch’a lui ne viene, e per nome l’appella.
Ad esso e a Brandimarte e all’altro spera
far parer notte, e che non sia ancor sera.

83
     Voltasi al conte, e Brandimarte lassa,
e d’una punta lo trova al camaglio:
fuor che la carne, ogni altra cosa passa:
per forar quella è vano ogni travaglio.
Orlando a un tempo Balisarda abbassa:
non vale incanto ov’ella mette il taglio.
L’elmo, lo scudo, l’osbergo e l’arnese,
venne fendendo in giú ciò ch’ella prese;