Apri il menu principale

Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. III, 1928 – BEIC 1739118.djvu/16

10 canto


36
     Cosí dicendo, se stesso riprende
che quel ch’avea a dir prima abbia lasciato;
e torna a dietro, e mostra uno che vende
il castel che ’l signor suo gli avea dato;
mostra il perfido Svizzero che prende
colui ch’a sua difesa l’ha assoldato:
le quai due cose, senza abbassar lancia,
han dato la vittoria al re di Francia.

37
     Poi mostra Cesar Borgia col favore
di questo re farsi in Italia grande;
ch’ogni baron di Roma, ogni signore
suggietto a lei, par ch’in esilio mande.
Poi mostra il re che di Bologna fuore
leva la Sega, e vi fa entrar le Giande;
poi come volge i Genovesi in fuga
fatti ribelli, e la cittá suggiuga.

38
     — Vedete (dice poi) di gente morta
coperta in Giaradada la campagna.
Par ch’apra ogni cittade al re la porta,
e che Venezia a pena vi rimagna.
Vedete come al papa non comporta
che, passati i confini di Romagna,
Modana al duca di Ferrara toglia,
né qui si fermi, e ’l resto tor gli voglia:

39
     e fa, all’incontro, a lui Bologna tórre;
che v’entra la Bentivola famiglia.
Vedete il campo de’ Francesi porre
a sacco Brescia, poi che la ripiglia;
e quasi a un tempo Felsina soccorre,
e ’l campo ecclesiastico sgombiglia:
e l’uno e l’altro poi nei luoghi bassi
par si riduca del lito de Chiassi.