Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. III, 1928 – BEIC 1739118.djvu/130

124 canto


92
     Come il gran fiume che di Vesulo esce,
quanto piú inanzi e verso il mar discende,
e che con lui Cambra e Ticin si mesce,
et Ada e gli altri onde tributo prende,
tanto piú altiero e impetuoso cresce;
cosí Ruggier, quante piú colpe intende
di Marganor, cosí le due guerriere
se gli fan contra piú sdegnose e fiere.

93
     Elle fur d’odio, elle fur d’ira tanta
contra il crudel, per tante colpe, accese,
che di punirlo, mal grado di quanta
gente egli area, conclusïon si prese.
Ma dargli presta morte troppo santa
pena lor parve e indegna a tante offese;
et era meglio fargliela sentire,
fra strazio prolungandola e martire.

94
     Ma prima liberar la donna è onesto,
che sia condotta da quei birri a morte.
Lentar di briglia col calcagno presto
fece a’ presti destrier far le vie corte.
Non ebbon gli assaliti mai di questo
uno incontro piú acerbo né piú forte;
sí che han di grazia di lasciar gli scudi
e la donna e l’arnese, e fuggir nudi:

95
     sí come il lupo che di preda vada
carco alla tana, e quando piú si crede
d’esser sicur, dal cacciator la strada
e da’ suoi cani attraversar si vede,
getta la soma, e dove appar men rada
la scura macchia inanzi, affretta il piede.
Giá men presti non fur quelli a fuggire,
che li fusson quest’altri ad assalire.