Apri il menu principale

Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. III, 1928 – BEIC 1739118.djvu/110

104 canto


12
     Nuovi trofei pon su la riva d’Oglio;
ch’in mezzo a ferri, a fuochi, a navi, a ruote
ha sparso alcun tanto ben scritto foglio,
che ’l vicin fiume invidia aver gli puote.
Appresso a questo un Ercol Bentivoglio
fa chiaro il vostro onor con chiare note,
e Renato Trivulcio, e ’l mio Guidetto,
e ’l Molza, a dir di voi da Febo eletto.

13
     C’è ’l duca de’ Carnuti Ercol, figliuolo
del duca mio, che spiega l’ali come
canoro cigno, e va cantando a volo,
e fin al cielo udir fa il vostro nome.
C’è il mio signor del Vasto, a cui non solo
di dare a mille Atene e a mille Rome
di sé materia basta, ch’anco accenna
volervi eterne far con la sua penna.

14
     Et oltre a questi et altri ch’oggi avete,
che v’hanno dato gloria e ve la danno,
voi per voi stesse dar ve la potete;
poi che molte, lasciando l’ago e ’l panno,
son con le Muse a spegnersi la sete
al fonte d’Aganippe andate, e vanno;
e ne ritornan tai, che l’opra vostra
è piú bisogno a noi, ch’a voi la nostra.

15
     Se chi sian queste, e di ciascuna voglio
render buon conto, e degno pregio darle,
bisognerá ch’io verghi piú d’un foglio,
e ch’oggi il canto mio d’altro non parle:
e s’a lodarne cinque o sei ne toglio,
io potrei l’altre offendere e sdegnarle.
Che farò dunque? Ho da tacer d’ognuna,
o pur fra tante sceglierne sol una?