Pagina:Ariosto, Ludovico – Orlando furioso, Vol. II, 1928 – BEIC 1738143.djvu/306

300 canto


72
     Malagigi e Vivian, che l’arme aveano
come per guardia e sicurtá del resto,
si mossero dal luogo ove sedeano,
l’un come l’altro alla battaglia presto,
perché giostrar con amenduo credeano;
ma l’African che non venia per questo,
non ne fe’ segno o movimento alcuno:
sí che la giostra restò lor contra uno.

73
     Viviano è il primo, e con gran cor si muove,
e nel venire abbassa un’asta grossa:
e ’l re pagan da le famose pruove
da l’altra parte vien con maggior possa.
Dirizza l’uno e l’altro, e segna dove
crede meglio fermar l’aspra percossa.
Viviano indarno a l’elmo il pagan fere;
che non lo fa piegar, non che cadere.

74
     Il re pagan, ch’avea piú l’asta dura,
fe’ lo scudo a Vivian parer di ghiaccio;
e fuor di sella in mezzo alla verdura,
all’erbe e ai fiori il fe’ cadere in braccio.
Vien Malagigi, e ponsi in aventura
di vendicare il suo fratello avaccio;
ma poi d’andargli appresso ebbe tal fretta,
che gli fe’ compagnia piú che vendetta.

75
     L’altro fratel fu prima del cugino
coll’arme indosso, e sul destrier salito;
e disfidato contra il Saracino
venne a scontrarlo a tutta briglia ardito.
Risonò il colpo in mezzo a l’elmo fino
di quel pagan sotto la vista un dito:
volò al ciel l’asta in quattro tronchi rotta;
ma non mosse il pagan per quella botta.