Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/75


atto primo 69

non di ventura, io sono. Ah! s’è pur vero,

che il duol diviso scemi, avrai compagno
inseparabil me d’ogni tuo pianto.
Carlo Duol, che a morir mi mena, in cor rinserro;
alto dolor, che pur mi è caro. Ahi lasso!...
Che non tel posso io dire?... Ah! no, non cerco,
né v’ha di te piú generoso amico:
e darti pur di amistá vera un pegno,
coll’aprirti il mio core, oh ciel! nol posso.
Or va; di tanta, e sí mal posta fede,
che ne trarresti? Io non la merto: ancora
tel ridico, mi lascia. Atroce fallo
non sai, ch’è il serbar fede ad uom, cui serba
odio il suo re?
Perez  Ma, tu non sai, qual sia
gloria, a dispetto d’ogni re, il serbarla.
Ben mi trafiggi, ma non cangi il core,
col dubitar di me. Tu dentro al petto
mortal dolor, che non puoi dirmi, ascondi?
Saper nol vo’. Ma s’io ti chieggio, e bramo,
che a morir teco il tuo dolor mi tragga,
duramente negarmelo potresti?
Carlo Tu il vuoi, tu dunque? ecco mia destra; infausto
pegno a te dono di amistade infausta.
Te compiango; ma omai del mio destino
piú non mi dolgo: e non del ciel, che largo
m’è di sí raro amico. Oh quanto io sono,
quanto infelice io men di te, Filippo!
Tu, di pietá piú che d’invidia degno,
tra pompe vane e adulazion mendace,
santa amistá non conoscesti mai.