Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/71


atto primo 65

Tutto ei mi ha tolto il dí, che te mi tolse.

Isab. Prence, ch’ei t’è padre e signor rammenti
sí poco?...
Carlo  Ah! scusa involontario sfogo
di un cor ripieno troppo: intera aprirti
l’alma pria d’or, mai nol potea...
Isab.  Né aprirla
tu mai dovevi a me; né udir...
Carlo  T’arresta;
deh! se del mio dolore udito hai parte,
odilo tutto. A dir mi sforza...
Isab.  Ah! taci;
lasciami.
Carlo  Ahi lasso! Io tacerò; ma, oh quanto
a dir mi resta! Ultima speme...
Isab.  E quale
speme ha, che in te non sia delitto?
Carlo  ... Speme,...
che tu non m’odj.
Isab.  Odiarti deggio, e il sai,...
se amarmi ardisci.
Carlo  Odiami dunque; innanzi
al tuo consorte accusami tu stessa...
Isab. Io profferire innanzi al re il tuo nome?
Carlo Sí reo m’hai tu?
Isab.  Sei reo tu solo?
Carlo  In core
dunque tu pure?...
Isab.  Ahi! che diss’io?... Me lassa!.
O troppo io dissi, o tu intendesti troppo.
Pensa, deh! chi son io; pensa, chi sei.
L’ira del re mertiamo; io, se ti ascolto;
tu, se prosiegui.
Carlo  Ah! se in tuo cor tu ardessi,
com’ardo e mi struggo io; se ad altri in braccio
ben mille volte il dí l’amato oggetto


 V. Alfieri, Tragedie - I. 5