Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/70

64 filippo

Carlo  Suddito, e figlio

di assoluto signor, soffersi, tacqui,
piansi, ma in core; al mio voler fu legge
il suo volere: ei ti fu sposo: e quanto
io del tacer, dell’obbedir fremessi,
chi ’l può saper, com’io? Di tal virtude
(e virtude era, e piú che umano sforzo)
altero in cor men giva, e tristo a un tempo.
Innanzi agli occhi ogni dover mio grave
stavami sempre; e s’io, pur del pensiero,
fossi reo, sallo il ciel, che tutti vede
i piú interni pensieri. In pianto i giorni,
le lunghe notti in pianto io trapassava:
che pro? L’odio di me nel cor del padre,
quanto il dolore entro al mio cor, crescea.
Isab. L’odio non cape in cor di padre, il credi;
ma il sospetto bensí. L’aulica turba,
che t’odia, e del tuo spregio piú si adira
quanto piú il merta, entro al paterno seno
forse versò il sospetto...
Carlo  Ah! tu non sai,
qual padre io m’abbia: e voglia il ciel, che sempre
lo ignori tu! gli avvolgimenti infami
d’empia corte non sai; né dritto cuore
creder li può, non che pensarli. Crudo,
piú d’ogni crudo che dintorno egli abbia,
Filippo è quei che m’odia; egli dá norma
alla servil sua turba; ei d’esser padre,
se pure il sa, si adira. Io d’esser figlio
giá non oblio perciò; ma, se obliarlo
un dí potessi, ed allentare il freno
ai repressi lamenti; ei non mi udrebbe
doler, no mai, né dei rapiti onori,
né della offesa fama, e non del suo
snaturato inaudito odio paterno;
d’altro maggior mio danno io mi dorrei...