Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/388

382 oreste

Pilade  Non fia.

Elet.  Fratello...
Pilade Misero Oreste!
Oreste  Or, chi fratel mi noma?
Empia, tu forse, che serbato a vita,
e al matricidio m’hai? — Rendimi il brando,
il brando;... oh rabbia! — Ove son io? che feci?...
Chi mi trattien?... Chi mi persegue?... Ahi! dove,
dove men fuggo?... ove mi ascondo? — O padre,
torvo mi guardi? a me chiedesti sangue:
e questo è sangue;... e sol per te il versai.
Elet. Oreste, Oreste... Ahi misero fratello!...
giá piú non ci ode;... è fuor di se... Noi sempre,
Pilade, al fianco a lui staremo...
Pilade  Oh dura
d’orrendo fato inevitabil legge!

Fine del volume primo.