Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/356

350 oreste

Pilade  E dove i passi

portò quel vile?
Elet.  Empio, ei festeggia il giorno
della morte d’Atride.
Oreste  Oh rabbia!
Elet.  I Numi
ora oltraggiando ei sta. Di quí non lunge,
sulla via di Micene al re dell’ombre
vittime impure, e infami voti ei porge:
né a lungo andar può molto il rieder suo. —
Ma noi quí assai parlammo: io nella reggia
rientrerò non vista: ad aspettarlo
statevi lá dell’atrio fuor del tutto.
Pilade, affido a te il fratello. Oreste,
se m’ami, oggi il vedrò; per l’amor nostro,
per la memoria dell’ucciso padre,
l’amico ascolta, e il tuo bollor raffrena:
che la vendetta sospirata tanto
cader può a vuoto, per volerla troppo.