Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/261


ATTO QUARTO

SCENA PRIMA

Appio, Marco.

Appio Virginio in Roma?

Marco  Ei v’è pur troppo.
Appio  Visto
l’hai tu?
Marco  Cogli occhi miei. Tu stesso in breve
anco il vedrai, ch’ei di te cerca.
Appio  Or come
del campo uscí, se un mio comando espresso
ritener vel dovea?
Marco  Non giunse in tempo
forse il divieto tuo; forse anco i duci
a obbedirti eran lenti...
Appio  E chi mai tardo
ad obbedir d’Appio i comandi fora?
Icilio, or veggo, prevenir mi seppe...
Mercé ne avrá, qual merta. Anzi che tratta
fosse Virginia al tribunal, giá corso
n’era l’avviso al genitore. Assai
cangia l’affar d’aspetto, al venir suo:
ma pur, non io...
Marco  Giá in pianto ambo i parenti
con la figlia, pe’ trivj, e in ogni strada,
supplici, in veste squallida ravvolti,