Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/208


ATTO QUARTO

SCENA PRIMA

Creonte, Antigone, Guardie.

Creon. Scegliesti?

Antig.  Ho scelto.
Creon.  Emon?
Antig.  Morte.
Creon.  L’avrai. —
Ma bada, allor che sul tuo capo in alto
penda la scure, a non cangiarti: e tardo
fora il pentirti, e vano. Il fero aspetto
di morte (ah!) forse sostener dappresso
mal saprai tu; mal sostener di Argía,
se l’ami, i pianti; che morirti al fianco
dovrá pur essa; e tu, cagion sei sola
de suo morir. — Pensaci; ancor n’hai tempo...
Ancor tel chieggio. — Or, che di’ tu?... Non parli
Fiso intrepida guardi? Avrai, superba,
avrai da me ciò che tacendo chiedi.
Doleami giá d’averti dato io scelta,
fra la tua morte e l’onta mia.
Antig.  Dicesti? —
Che tardi or piú? Taci, ed adopra.
Creon.  Pompa
fa di coraggio a senno tuo: vedrassi