Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/206

200 antigone

Di lor pietá, che piú di te non senti,

sentir t’è forza; e a te il rimembra, e, pieno
di amaro pianto, a’ tuoi piedi si prostra,
... e ti scongiura Emone...
Antig.  ... Io te scongiuro...
Or, che costanza, quanta io n’ebbi mai,
mi è d’uopo, in molli lagrime di amore
deh! non stemprarmi il cor... Se in me puoi tanto,...
(e che non puoi tu in me?)... mia fama salva;
lascia ch’io mora, se davver tu m’ami.
Emone ... Me misero!... Pur io non ti lusingo...
Quanto a te dissi, esser potria.
Antig.  Non posso
esser tua mai; che val, ch’io viva? — Oh cielo!
Del disperato mio dolor la vera
cagione (oimè!) ch’io almen non sappia. — E s’io
sposa a te mi allacciassi, ancor che finta,
Grecia in udirlo (oh!) che diria? Quel padre,
che del piú viver mio non vil cagione
sol fora, oh! s’egli mai tal nodo udisse!...
ove il duol, l’onta, e gli stenti, finora
pur non l’abbiano ucciso, al cor paterno
coltel saria l’orribile novella.
Misero padre! il so, pur troppo; io mai
non ti vedrò, mai piú:... ma, de’ tuoi figli
ultima, e sola, io almen morrò non rea...
Emome Mi squarci il core;... eppur, laudar mi è forza
tai sensi: anch’io virtú per prova intendo...
Ma, lasciarti morire!... Ultimo prego,
se tu non m’odj, accetta: al fianco tuo
starommi, e nel mio petto il mortal colpo,
pria che nel tuo, cadrá: cosí vendetta
in parte avrai dell’inuman Creonte.
Antig. Vivi, Emon, tel comando... In noi l’amarci
delitto è tal, ch’io col morir lo ammendo;
col viver, tu.