Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/115


atto quinto 109

giungesse, io ’l so; so, che innalzato ancora

tu non avevi al talamo paterno
l’audace empio pensiere; ov’altro fosse,
vivresti or tu?... Ma, dalla impura tua
bocca ne usci d’orrido amor parola;
essa l’udía; ciò basta.
Carlo  Io sol ti offesi;
né il niego: a me lieve di speme un raggio
sul ciglio balenò: ma il dileguava
la sua virtude tosto: ella mi udiva,
ma sol per mia vergogna; e sol, per trarmi
la rea malnata passíon dal petto...
Malnata, sí; tale or, pur troppo! ed era
giá legittima un dí: mia sposa ell’era,
mia sposa, il sai; tu me la davi; e darla
meglio potevi, che ritorla... Io sono
a ogni modo pur reo: sí, l’amo; e tolta
m’era da te;... che puoi tu tormi omai?
Saziati, su, nel sangue mio; disbrama
la rabbia in me del tuo geloso orgoglio:
ma lei risparmia; ella innocente appieno...
Filippo Ella? In ardir, non in fallir, ti cede. —
Taci, o donna, a tua posta; anche lo stesso
tuo tacer ti convince: in sen tu pure
(né val che il nieghi) ardi d’orribil foco:
ben mel dicesti; assai, troppo il dicesti,
quand’io parlava di costui poc’anzi
teco ad arte: membrando a che mi andavi,
ch’ei m’era figlio? che tuo amante egli era,
perfida, dir tu non l’osavi. In cuore
men di lui forse il tuo dover tradisti,
l’onor, le leggi?
Isab.  ... In me il silenzio nasce
di timor no; stupore alto m’ingombra
del non credibil tuo doppio, feroce,
rabido cor. — Ripiglio al fin, ripiglio