Pagina:Alfieri, Vittorio – Tragedie, Vol. I, 1946 – BEIC 1727075.djvu/102

96 filippo



SCENA TERZA

Isabella, Filippo.

Isab.  Oh cielo!

Che miro? oimè!...
Filippo  Donna, che fia?
Isab.  La reggia
tutta di meste grida dolorose
udía dintorno risuonare...
Filippo  Udisti
flebile suono; è ver...
Isab.  Dal tuo cospetto
non vidi io il prence strascinato a forza?
Filippo Tu ben vedesti; è desso.
Isab.  Il figliuol tuo?...
Filippo La mia consorte impallidisce, e trema,
nel veder trarre?...
Isab.  Io tremo?
Filippo  E n’hai ben donde. —
Il tuo tremar... dell’amor tuo... non lieve
indizio m’è... Pel tuo... consorte or tremi:
ma, riconforta il cor; svaní il periglio.
Isab. Periglio!... e quale?
Filippo  Alto periglio io corsi:
ma omai mia vita in securtá...
Isab.  Tua vita?...
Filippo A te sí cara e necessaria, è in salvo.
Isab. Ma il traditor?...
Filippo  Del tradimento pena
dovuta avrá. Più non temer, ch’io mai
per lui riapra a pietá stolta il core.
Passò stagione; or di giustizia il solo
terribil grido ascolterò.
Isab.  Ma quale,
qual trama?...