Pagina:Alcune lettere delle cose del Giappone. Dell'anno 1579. insino al 1581, 1584.djvu/97


DEL GIAPPONE <,j li eh e dìlìmgono, & abrugioano tutte le tene de rimici, fi fono trouatili Chrifliani padri in fi grandi trauagli,che dir non fi potrebbe. Erari quefto tempo il T. Vifitat or emide ter. re dì Mmà,procurandoptrfuader. -irimandono, che fiifaceffe Chrifliano corituttiifuoi ì&già egli haueua feritilo alcune prediche,&promefj’o al pa dre dì fariosa offendo egligiouane che hà etiam dio & gy-, quali erano molto auuerfarif, & nemici dalla legge di Dio, erano cagione infame cori i Bongi, quali erano molto potenti in quel regno, ebe no ofieruaffe la promefia prolungando & trattenendo ilpadre coribuone parole.Tfe il padre rbaurebbe battegato finche fuoi gv,<& B ongi prin cipali nonfuffero primi conuertitt: perchè ripugnando loro,non fi polena pigliare conclufione alcu na. Finalmente doppo molti trattagli fi determinò vno difuoigij,& vn’fuo nepotefiglio berede d’vn altro gtOydifarfi Cbrifliani corieffo lui; & mandò egliftefio più volte à pregare il padre, che facontentaffe battezzarli: Dicendo che doppò ch’egli fufa fatto Chrifliano fi /ariano hattigati anco gli altri àpoco àpoco;c che non fi poteua far cefi jub bito nelle fue terre, quel che in nejfune altro domirio era fattornia che col tepo fi /arianotutti coùtrtiti. Si determinò il padre Bj tteggarli cori molti altri, benché co alcuriiimore, vedendo gli bongi oflinati,& anco l’Auo, madre,& gìj:t emendo fi che per laguerra,ò per altri rifpetti non fi pcritcniffer&ycome fecero alcune migliaia ds Chrifliani nella ’ terre