Pagina:Alcune lettere delle cose del Giappone. Dell'anno 1579. insino al 1581, 1584.djvu/109


DEL GIAPPONE ia 7 tìcato del c alligo di fuo padre, andò corti’ armata cotta Fami citta di Bungo,ma Dio non permcffe,cbe tarmata andafie à porto,per cagiòe di ma grarttempefla 5 & poi gli fopragiunfero altri impe dimenti talché fu forcato parùrfiflafciando la citta per diuina proiùdenga libera.Finalmente voleri do il prencipc rimediare à queflo male,mandò <Am bafeiadori à tic acura per placarlo: ma egli tanto più diuenne infoiente. Fece dunque configlio il pre cipe;ma li /ignori quali già jlauano cotamlnati,non lo voledorbedire[coprirono il mal’animo loro’-talche il regno fu in grandi fimo rifchufi&il Rè Fran cefco lo teneua quafi pduto. Tuttavia maggior era la meftitia,che eglihaueua, vededo che ipadri,& fratelli no hauenano luogo [curo, &confegliaua il padre che madafie ì fratelli co alcuni padri altrout & che egli con alcun’altro refìafie nella fortegga s ma pche fio riera luogo jìcuro,parne al padre vifètatore,chenefiuo mutafìeluogo,ma tutti re sì a fi era pregado il fignore p quel buon Rè,&p il refio della Chrìfìianità.Trà queflo meggo rededo il Rè Frdce,feo le cofe mal ridotte cominciò à rifttare i f ignori del regno,accarezzandoli,etmofirado loro grande amore-,ne fù indarno,pcìoche egli con’fina auttorità rida fi e tuttì.Coftoro preuedendo che Rugo fi perde rebbe, fi queflo buon’recchio non ripigliafie il gouernofio pregarono che almeo per tic anni egli ftefi fo lo gonernafie, & il Trencipe in quel mentre fc ri andafie ad alcuna fortegga à riviere priuatamé te mandando in eJJUìo quattro [ignori fuoi configlie riyche