Pagina:Abramo Lincoln.djvu/70


CLASSICI DEL RIDERE




Con alacre entusiasmo stiamo preparando per il nuovo anno una collezione nuova. Una collezione per la gente di buon gusto e di buona coltura, per la gente sana di fegato o che almeno abbia l’onesto proposito di migliorare le proprie infelici condizioni di salute e di colmare insospettate, gravissime lacune nel fardello delle proprie cognizioni storiche e letterarie.

Crediamo proprio di intraprendere qualche cosa di serio (sicuro!), di nuovo, di utile, di divertente. Certo ci divertiremo molto noi, e questa volta noi significa noi editore e noi collaboratori.

Crediamo che oggi i tempi siano maturi per una impresa lieta. Nulla è più umano del ridere e nulla più efficace a rendere gli uomini benevoli gli uni verso gli altri, e c’è bisogno, oggi, di ritornare ad una buona, serena, gaja, fratellevole concezione della vita . . . Abbiamo sotto i torchi:

La Secchia Rapita di Alessandro Tassoni. Che sarà curata da Giorgio Rossi secondo l’autografo Tassoniano detto Formíggini, posseduto dal Comune di Modena. Il volume sarà illustrato da Augusto Majani.

I Viaggi in Casa del De Maistre tradotti da Silvio Spaventa Filippi con illustrazioni del Mussino.

Il Decameron del Boccacci a cura di E. Cozzani’ con xilografie del Mantelli della Eroica.

Il Satyricon di Petronio Arbitro tradotto da Umberto Limentani, nuova edizione con numerosi emendamenti e decorata da legni originali di Gino Barbieri della Eroica.

Una Antologia di Carlo Porta curata da Attilio Momigliano ed illustrata dal Salvadori.

L’Arte di convitare del Rajberti curate da Giulio Natali con ornamenti di G. Mazzoni.

— 2 —