Pagina:Abrabanel, Juda ben Isaac – Dialoghi d'amore, 1929 – BEIC 1855777.djvu/95


le parti del cielo 89


Filone. Poi che la mente mia è convertita in te, niun de li concetti miei ti può essere negato. Io altrimenti intendo Aristotile: il qual dichiara sottilmente l’opere di queste sei parti, cosí nel cielo come in ogni animale perfetto. Dice che l’alto, o ver capo, ch’è principio de la longhezza de l’animale, è quella parte onde prima depende la virtú del moto (ché certamente da la testa o cerebro vengano i nervi e spiriti motivi); e la destra è la parte onde il medesimo moto principia, secondo è manifesto ne l’uomo; e la faccia, o ver il dinanzi, è quella onde s’avvia il moto de la destra; l’altre tre parti son l’opposite di queste ne le tali operazioni.

Sofia. Intendo questo. Veniamo al dubio.

Filone. Dice Aristotile che la destra è quella parte onde si leva il sole e l’altre stelle e pianeti, cioè l’oriente. E questo dice non essere appropriato ad una parte segnata materialmente, ma in tutte virtualmente, in quanto son oriente e s’avviano verso occidente; e non al contrario, secondo il moto erratico degli pianeti, che è da occidente in oriente. Ché quel è moto sinistro e da la parte sinistra, ed è come il movimento imperfetto e debile de la mano sinistra ne l’uomo; si come quel d’oriente in occidente, in qual si voglia parte del cielo, è moto destro e de la parte destra. Perché, essendo il capo del cielo il polo antartico e li piedi l’artico, come egli dice, bisogna che, — inviandosi tutt’il cielo sempre, e in ogni parte, d’oriente in occidente, — quel moto sia de la parte destra, e l’opposizione sia de la sinistra. E resta la faccia in quella parte che è fra oriente e occidente, di sopra, verso donde cantina il cielo nel moto destro. E le spalle son quella parte che resta dietro de l’oriente; sotto del qual l’oriente si divide, come la mano destra da le spalle.

Sofia. Mi piace intenderti. E secondo questo, nel cielo, solamente l’alto e il basso, o ver il capo e li piedi, son materialmente divisi: che uno è l’un de’ poli, e l’altro è l’altro. L’altre quattro parti si divideno in modo formale de l’inviamento del moto. È cosí. Filone?

Filone. Cosi è: e ben l’hai inteso.